Home > Opera > Dipinti > Uccelli e pesci

L'uccello Lira

Argento e tempera su tavola
60 X 70 cm

Collezione privata

Uccello sull'acqua

Oro, argento e tempera su tavola
90 X 80 cm

Collezione privata

Pesce in volo

Oro, argento e tempera su tavola
70 X 60 cm

Collezione privata

Il Volo

Tempera su tavola
70x80 cm

Collezione Privata

Uccello d'acqua

Oro, argento e tempera su tavola
70 X 80 cm

Collezione privata

L'uccello

Oro, argento e tempera su tavola
60 X 80 cm

Collezione privata

In Volo

Oro, argento e tempera su tavola
70x80 cm
1965
Collezione Privata

Preistorico

Tempera su tavola
50x60 cm
1981
Collezione Privata

L'uccellino di carta

Tempera su tavola
60 X 70 cm

Collezione privata

In volo

Tempera su tavola
80 X 70 cm

Collezione privata

La pinna nera

Argento e tempera su tavola
60 X 70 cm

Collezione privata

Pesce in Volo

Oro, argento e tempera su tavola
60x50 cm
1969
Collezione Privata

L'uovo azzurro

Oro, argento e tempera su tavola
50 X 60 cm

Collezione privata

L'uccello d'acqua

Oro, argento e tempera su tavola
70 X 60 cm

Collezione privata

Pesce in volo

Tempera su tavola
100 X 100 cm

Collezione privata

L'uccello meccanico

Oro, argento e tempera su tavola
60 X 70 cm

Collezione privata

L'uccello d'acqua

Oro, argento e tempera su tavola
80 X 70 cm

Collezione privata

L'uccello d'acqua

Oro, argento e tempera su tavola
70 X 80 cm
1965
Collezione privata

Pesce in volo

Oro, argento e tempera su tavola
70 X 60 cm

Collezione privata

Uccelli e pesci

Sono i soli animali che abitano la mia pittura, salvo qualche raro gatto, che non mi viene da consuetudini domestiche, che non ho, ma piuttosto da mie rivisitazioni delle misteriose divinità feline dell'Egitto, o da una vecchia canzone di Prévert, in cui un gatto sogna di mangiarsi un uccellino.

Mi sono accorto che gli uni e gli altri sono i soli che vivono in ambiti non accessibili agli uomini, nell'acqua e nell'aria; e che spesso faccio volare uccelli nell'acqua e nuotare pesci nel cielo, credo per affermare una possibilità dell'”impossibile”, che mi affascina tanto.

 

Renato Laffranchi - don@renatolaffranchi.it