Home > Opera > Dipinti > Fiori e Giardini

I fiori crescono sotto terra

Tempera su tavola
80 X 90 cm

Collezione Privata

Volando intorno a un fiore

Tempera su tavola
90 X 100 cm

Collezione privata

Fiori - 1

Argento e tempera su tavola
70x80 cm
1969
Collezione Privata

Fiori

Argento e tempera su tavola
80 X 100 cm
1987
Collezione privata

Fiori

Tempera su tavola
100 X 100 cm

Collezione privata

Il giardino perduto

Tempera su tavola
130 X 150 cm
1996
Collezione privata

Il giardino incantato

Tempera su tavola
80 X 90 cm
1970
Collezione privata

I fiori

Tempera su tavola
80 X 70 cm

Collezione privata

L'albero azzurro

Tempera su tavola
90 X 225 cm

Collezione privata

Fiori

Tempera su tavola
90 X 100 cm

Collezione privata

I quattro Fiumi

Tempera su tavola
183x183 cm
1999
ST. Louis, St Louis University

I giardini del Sole

Tempera su tavola
130 X 150 cm

ST. Louis University, ST. Louis

Fiori

Tempera su tavola
80 X 70 cm

Collezione privata

I fiori crescono sotto terra

Tempera su tavola
90 X 100 cm

Collezione privata

Il giardino

Tempera su tavola
400 X 300 cm

Collezione privata

Il giardino pietrificato

Tempera su tavola
100 X 90 cm

Collezione privata

I fiori crescono sotto terra

Tempera su tavola
80 X 90 cm
1971
Collezione privata

L'albero

Oro, argento e tempera su tavola
Diam 150 cm
1987
Collezione privata

L'albero dela vita

Mosaico
150 X 225 cm
1978
Cappella Laffranchi - Rivarolo (MN)

I fiori

Tempera su tavola
70 X 80 cm

Collezione privata

Fiori e Giardini

I fiori mi piacciono e come li coltivo nel mio piccolo giardino, li coltivo anche nei quadri. 

Se mi domandano che fiori sono, non lo so.

Crescono nell'erbario della mia mente o forse su colline di altri mondi; e non ho mai pensato di nominarli. Mi immagino anche dei giardini nel sole, che non me li brucia, o illuminati da lune, che non so se siano la nostra, o in segrete fioriture sotterranee. 

E mi avventuro ad esplorare il primo Giardino perduto dalla stoltezza di Adamo, sulle sponde dei Quattro Fiumi del mondo, coniugando desiderio e malinconia, nel sogno del nuovo definitivo Giardino, ai cui cancelli sostiamo fin che si aprano, per saziarci dell'Albero dei dodici frutti. 

 

Renato Laffranchi - don@renatolaffranchi.it