Home > Opera > Dipinti > Città

Città della Pace

Tempera su tavola
125x183 cm
1983
St.luis

Fundamenta eius in montibus sanctis

Tempera su tavola
168 X 180 cm
1980
St. Louis University, St. Louis

La città sommersa

Tempera su tavola
100 X 90 cm

Collezione privata

La città sommersa

Tempera su tavola
100 X 90 cm

Collezione privata

La Città Volante - 1

Oro, argento e tempera su tavola
70x80 cm

Collezione Privata

La città nascente

Tempera su tavola
100 X 130 cm

Collezione privata

La Città sul Monte

Tempera su tavola
330x220 cm
2000
ST. Louis, St Louis University

La città desolata

Tempera su tavola
125 X 183 cm
1981
ST. Louis University, ST Louis

La città lacerata

Tempera su tavola
125 X 183 cm
1986
St. Louis University, St. Louis

La città turbata

Tempera su tavola
110 X 183 cm
1981
ST. Louis University, ST. Louis

La città volante

Tempera su tavola
130 X 150 cm
1998
St. Louis University, St. Louis

La città sommersa

Tempera su tavola
100 X 130 cm
1989
ST. Louis University, ST. Louis

La città volante

Tempera su tavola
80 X 100 cm

Collezione privata

In te solo le mie sorgenti

Tempera su tavola
120 X 180 cm
2003
Collezione privata

La città sul monte

Tempera su tavola
370 X 250 cm
1995
Municipio - Calcinato (BS)

Città

Vetrata
cm

Chiesa S. Giorgio - Mantova

La città nel quadrato

Tempera e acrilico su tavola
150 X 170 cm
1987
ST. Louis University, ST. Louis

La città celeste

Vetrata
cm

Chiesa S. Giacomo - Brescia

L'arca del Signore

Tempera su tavola
140 X 160 cm
2003
Museo di arte e spiritualità - Brescia

La città sommersa

Tempera su tavola
80 X 80 cm

Collezione privata

La città

Tempera su tavola
90 X 100 cm
1986
Collezione privata

Città

Lacerate dalla violenza, squilibrate dalle ingiustizie, oscurate dalla desolazione, o luminose di pace, volanti su velieri nei cieli o sommerse in mari inesplorati, le loro immagini continuamente mi visitano, inquietanti opacificatrici, come sono le nostre città terrestri, minacciose o invitanti, travagliate o felici.

Ma provvisorie tutte, e tutte assunte nel sogno della mia vera città, quella di cui ho inguaribile nostalgia, saudade incurabile, desiderio gemente: la Città definitiva e perfetta verso la quale sono in cammino.

Quella non edificata dagli uomini ma promessa da Dio, quella che i profeti e Giovanni videro posarsi dai cieli sui vertici delle montagne del mondo, solare e sicura, tutta splendente delle dodici pietre, bella come una giovane sposa.

 

Renato Laffranchi - don@renatolaffranchi.it